Intervista a Srake, Travel blogger italiano da seguire su instagram - Intervista esclusiva

Intervista a Srake, Travel blogger italiano da seguire su instagram

Simone Colombo si racconta in una esclusiva intervista al blog Monacodesign.it. Simone colombo ha parlato della sua carriera di travel blogger ma anche della sua vita privata. In questa intervista di Francesco Monaco, Conosciamo meglio la sua vita da travel blogger e instagrammer.

Srake: Travel blogger italiano da seguire su instagram

Mi chiamo Simone Colombo e sono un travel blogger e appassionato di Instagram di 35 anni: sui social sono conosciuto con nickname “srake“. Abito in provincia di Bergamo e sono sempre curiosamente alla ricerca di nuove mete e nuovi scatti da pubblicare. Sono laureato in storia e per questo amo visitare e raccontare le bellezze storico-artistiche: in ciò l’Italia è unica; allo stesso modo adoro pure confrontarmi e andare alla scoperta di realtà molto diverse. Nei viaggi, nulla è più bello di vivere un’esperienza tipicamente locale: andare in un vero hammam marocchino, mangiare nei mercati di Palermo, fare la pasta come le donne cipriote… Viaggiare apre la mente ti arricchisce come persona; ad esempio io ho capito l’importanza della libertà di poter viaggiare ovunque e che spesso a volte basta poco per essere felici (anche senza vestiti firmati o prodotti hitech).

Borghi antichi travel blogger
© Srake – Travel Blogger

Mi definisco un esploratore di città, borghi e giardini, a partire dal mio amato Lago di Como per poi allargarmi all’Italia e al Mediterraneo. Poi racconto tutto con le mie foto su Instagram o nei miei articoli sul blog. Mi piace pensare di riuscire a trasmettere l’essenza di un luogo; spero che chi vede le mie fotografie e i miei articoli cerchi di immedesimarsi e poi andare a visitare quei posti. Non c’è cosa che mi riempie più d’orgoglio!

Scopri i suoi consigli per diventare travel blogger!

Come nasce l’idea di aprire un blog di viaggi?

Srake Travel blogger
Srake Travel Blogging

A me è sempre piaciuto scrivere, fin dal liceo. Purtroppo dopo l’università avevo messo la scrittura da parte, ma una volta aperto il profilo Instagram e aver raggiunto un discreto numero di seguaci mi sono sentito dire che per essere un influencer al 100% bisognava avere un blog. Perciò, ho aperto lo Srake Blog nel 2015. All’inizio ho scritto poco e ho dovuto imparare le regole, come fare SEO (che non si finisce mai di apprendere), ma articolo dopo articolo ho sempre cercato di migliorare.

Poi quando cominci a ricevere un centinaio di visite al giorno e i primi commenti/apprezzamenti, diventa più facile andare avanti: sei più motivato.

Come ti distingue dagli altri blog di viaggi?

I miei viaggi sono spesso incentrati sugli aspetti storici-artistici: amo l’arte e la storia! Così scovo chiese antiche, antichi monumenti, tradizioni, usanze e descrivo i miei itinerari e le mie esperienze… tralasciando locali e vita notturna che sono proprio assenti dai miei articoli. Altro mio punto distintivo è la focalizzazione sulla fotografia; essendo tutto nato da Instagram e volendo continuare a regalare belle foto ai miei 65.000 seguaci del social, scelgo spesso le destinazioni anche per le fotografie che mi possono regalare; una cosa che faccio io (e pochi altri) è scrivere articoli su dove scattare le migliori foto in determinati luoghi: ho cominciato da Milano che conosco benissimo ed è sottovalutata fotograficamente ed ora ho scritto ben 8 articoli del genere, l’ultimo pochi giorni fa sulle Cinque Terre. A me piace dare consigli fotografici: non sono geloso delle mie conoscenze.

Quale posto non hai ancora visitato e perché lo sceglieresti?

Sono tantissimi i posti che non ho ancora visitato e che mi piacerebbe vedere presto. Sia in Italia, sia in Europa che nel resto del mondo. Partiamo ad esempio dalla Val di Noto in Sicilia: amo il barocco e non vedo l’ora di visitarla approfonditamente, passando in tutti i paesi, anche quelli meno turistici.

Ma anche Napoli e la Costiera Amalfitana, che ho visto solo in gita di seconda media, oppure andrei alla scoperta dei borghi dell’Umbria e delle Marche o tutte le ville palladiane.
In Europa sogno da anni di vedere Istanbul, San Pietroburgo e la Castiglia, mentre nel mondo Rio de Janeiro e Cuba.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simone Luigi Colombo ?? (@srake) in data:

Come vedi, sono tutti posti che necessitano grande organizzazione e il mio fascino per loro mi consiglia di fare le cose bene e con calma, aspettando il momento ideale.


Hai un segreto di un viaggio che vuoi svelare ai tuoi lettori?

Ci sono tanti tipi di viaggiatori e ovviamente ciò che è perfetto per me può essere scomodo per altri. Io ad esempio mi accontento spesso di ostelli che – oltre che economici – mi permettono di stare in pieno centro storico evitando di perdere tempo per gli spostamenti; così sfrutto al massimo le ore del giorno per visitare e fotografare. Un altro consiglio che mi sento di dare è di pianificare bene cosa si vuole vedere; quando arrivo in una città so già cosa mi aspetta grazie alla mia fidata guida cartacea: ho suddiviso prima di partire le attrazioni tra imperdibili, da vedere se si ha tempo e da tralasciare. Inoltre mi immagino più o meno quanto tempo è necessario per visitarle; perciò ho già una scaletta in testa di cosa vedere, giorno dopo giorno.

Quale consiglio daresti a chi volesse aprire un blog di viaggi?

Travel Blogger
© Srake Travel Blogger

Diciamolo subito: avere un blog di viaggi molto letto è difficilissimo. In primis perché le regole SEO per farsi trovare sono complicate e per Google conta l’anzianità di un sito, quindi ci vogliono almeno 3-4 anni di lavoro per ottenere soddisfacenti risultati (e non intendo guadagnare col blog… quello viene ancora dopo!). Quindi consiglio di aprire un blog di viaggi solamente se si ha l’ambizione, la determinazione e il tempo libero necessario per scrivere tanti articoli per 2-3 anni, senza contare i commenti e le visite che saranno pochissime (anche se scrivi come Sepulveda). Non devi farti abbattere nemmeno dal leggere alcuni travel blog tra i più affermati d’Italia che contengono ovvietà, marchette o sono scritti da cani (sì, non ci crederai ma è così) perché ormai rinomati in quanto aperti dal 2011 o giù di lì. Tu devi tirare dritto, studiare le regole SEO, scrivere tanto e puntare sulla qualità, che prima o poi verrà ripagata.

Voglio ringraziare Simone Colombo per questa intervista che mi ha rilasciato in esclusiva. Se ti piacciono i viaggi raccontati da magnifici racconti e immagini originali t’invito a visitare il suo canale Instagram  srake dove troverai anche il link verso il suo omonimo diario di viaggio.

Cosa pensi di questa intervista? fammelo sapere lasciando un commento qui sotto e se vuoi far conoscere ai tuoi amici Simone Colombo una vita da travel blogger, condividi questo articolo sui tuoi social.


Sony Alfa 7 Kit

fotocamera per travel blogger

Sony Alpha 7K Kit Fotocamera Digitale Mirrorless con Obiettivo Intercambiabile SEL 28-70mm, Sensore CMOS Exmor Full-Frame da 24.3 MP, ILCE7B + SEL2870, Nero

Fujifilm X-T20

fotocamera per blog di viaggi

Fujifilm X-T20 Silver Fotocamera Digitale 24MP con Obiettivo intercambiabile XC15-45mm F3.5-5.6 OIS PZ, Sensore CMOS X-Trans III APS-C,
Mirino EVF, Schermo LCD Touchscreen 3\” Orientabile, Filmati 4K, Argento


Migliori fotocamere per travet blogger
Migliori fotocamere per travel blogger

Forse hai già un blog e vuoi sapere come creare una buona lead generation? ho scritto qualche giorno fa questo articolo proprio sul argomento generare contatti dal blog e se ancora non ne hai aperto uno ed stai cercando informazioni su come aprire il tuo blog, allora ti consiglio di leggere questo articolo che ho scritto proprio su come creare un blog gratis per sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial